Per i Professionisti: procedure semplificate per ottenere il Bonus previsto nel decreto CURA ITALIA.

AVVISO PER TUTTI I PROFESSIONISTI 

OGGETTO: RICHIESTA “INDENNITÀ SOSTEGNO COVID 19”

Gentili Professionisti, la F.I.MFT (Federazione Italiana Massofisioterapisti) e le Associazioni fondatrici (AIMFI, AMS e AIMTES) desiderano informarvi sulle modalità prossime di richiesta per usufruire dei contributi di indennità legata all’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Tra le misure previste nel Decreto “Cura Italia” firmato dal premier Giuseppe Conte, sono state introdotte alcune “indennità di sostegno” per sostenere le imprese e i lavoratori colpiti dalle conseguenze economiche legate alla rapida diffusione del Covid-19.

Tali indennità Covid-19, come quanto disposto nell’ articolo 27 del decreto pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 17/03/2020, non concorreranno alla formazione del reddito ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917.  

Verrà pertanto riconosciuta una rifusione pari a 600 euro per tutti i professionisti, i commercianti, gli artigiani. 

Potranno accedere all’indennità di sostegno nello specifico:

(art. 27, Indennità professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa)

  • i liberi Professionisti con partita Iva attiva alla data del 23 febbraio 2020 compresi i partecipanti agli studi associati o società semplici con attività di lavoro autonomo.
  • i lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa attivi alla medesima data (23 febbraio 2020);
  • gli iscritti alla Gestione separata dell’INPS di cui all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335;
  • non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie.

Tra le misure a sostegno sono inoltre previste anche quelle relative al mondo sportivo

(Indennità per i collaboratori sportivi).

Tale indennizzo è previsto anche per i rapporti di collaborazione già in essere alla data del 23 febbraio 2020 presso “federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva, società e associazioni sportive dilettantistiche” (di cui all’art. 67, comma 1, lettera m, del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917).

Il risarcimento verrà riconosciuto da Sport e Salute S.p.A.

Le modalità di presentazione delle domande saranno individuate con decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze, di concerto con l’Autorità delegata in materia di sport, da adottare entro 15 giorni dal 18 marzo 2020, data di pubblicazione del decreto “Cura Italia“. Con lo stesso decreto verranno definiti i criteri di gestione del fondo e le forme di monitoraggio della spesa e del relativo controllo.

Si precisa che non esiste alcun modulo di presentazione della domanda o format di autocertificazione e che, per presentare la domanda, occorrerà attendere le modalità che la società Sport e Salute pubblicherà sul proprio sito istituzionale.

La società (Sport e Salute S.p.A.) ha comunque attivato un indirizzo email: curaitalia@sportesalute.eu.

IMPORTANTE 

Ai fini della richiesta di indennità, sarà necessario disporre del Pin di accesso al sistema MyINPS.

Il Pin è il sistema di riconoscimento grazie al quale ogni utente potrà usufruire dei servizi a lui dedicati.

ESORTIAMO PERTANTO TUTTI I PROFESSIONISTI CHE NON LO AVESSERO ANCORA FATTO, A VOLER RICHIEDERE URGENTEMENTE IL PIN DI ACCESSO UTILIZZANDO LE SEGUENTI PROCEDURE:

  • ONLINE, attraverso la procedura di richiesta PIN al seguente link: 

https://serviziweb2.inps.it/RichiestaPin/richiestaPIN.do

  • oppure tramite CONTACT CENTER, chiamando il numero verde 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile (a pagamento in base al piano tariffario del gestore telefonico).

Esistono due varianti del Pin dell’Inps: 

  • PIN CLASSICO, detto ordinario, necessario per accedere ai propri dati di posizione contributiva;
  • PIN DISPOSITIVO, che serve per richieste, domande e istanze da presentare all’Inps (es. bonus di 600 euro che il governo ha appena varato nel Decreto “Cura Italia.

N.B. Sarà pertanto necessario trasformare il Pin Ordinario in Pin Dispositivo, oppure utilizzare la procedura semplificata che sarà a breve pubblicata online sul sito dell’Inps.

LA DOMANDA POTRÀ ESSERE PRESENTATA IN DUE MODI:

  1. o attraverso la PROCEDURA ORDINARIA, nel caso in cui il cittadino sia munito di PIN dispositivo, SPID di livello 2 o superiore, Carta di identità elettronica e Carta nazionale dei servizi;

TRASFORMAZIONE PIN ORDINARIO IN DISPOSITIVO

Se disponete già di un Pin ordinario,

cliccare sul seguente link “CONVERTIRE IL PIN IN PIN DISPOSITIVO:

https://www.inps.it/NuovoportaleINPS/default.aspx?itemdir=47197&lang=IT

cliccare su “PROCEDURA ONLINE PER CONVERTIRE IL PIN”:

https://serviziweb2.inps.it/PassiWeb/jsp/login.jsp?uri=https://serviziweb2.inps.it/RichiestaPin/convertiPIN.do?S%3DS&S=S

cliccare su “RICHIEDI E GESTISCI IL TUO PIN

https://serviziweb2.inps.it/RichiestaPin/jsp/menu.jsp

cliccare su “VUOI IL PIN DISPOSITIVO?

https://serviziweb2.inps.it/RichiestaPin/jsp/dettaglioConverti.jsp

cliccare su “CONVERTI PIN

https://serviziweb2.inps.it/RichiestaPin/convertiPIN.do

Seguire le istruzioni successive.

Oppure,

potete compilare il modulo MV 35. Il modulo MV 35 può essere scaricato dal sito:

https://www.inps.it/NuovoportaleINPS/default.aspx?moduli=true&iidmodulo=781&lingua=it&IdArea=4873

Una volta compilato (lo si può fare al computer), stamparlo e scansionarlo, e caricarlo online assieme alla scansione di un documento di identità valido. Altra possibilità è spedirli entrambi via fax al Contact Center Inps al numero 800 803 164.

  1. oppure attraverso la PROCEDURA SEMPLIFICATA, che sarà pubblicata a breve nella settimana prossima sul sito ufficiale: https://www.inps.it/NuovoportaleINPS/default.aspx

La procedura semplificata è quella dedicata ai cittadini sprovvisti degli strumenti previsti dall’INPS per porre in essere la procedura ordinaria. La modalità semplificata consentirà ai cittadini di compilare e inviare le specifiche domande di servizio, previo inserimento della sola prima parte del PIN, ricevuto via SMS o e-mail, dopo averlo richiesto tramite portale INPS o Contact Center. 

L’INPS comunica, inoltre, che a breve verrà rilasciata una nuova procedura di emissione del PIN con il riconoscimento a distanza, gestita dal Contact Center, che consentirà ai cittadini di ottenere, in un unico processo da remoto, un nuovo PIN con funzioni dispositive senza attendere gli ulteriori 8 caratteri del PIN che ordinariamente venivano spediti tramite il servizio postale.

La F.I.MFT raccomanda ai Professionisti di utilizzare a riguardo solo i canali ufficiali Inps:

Per eventuali chiarimenti e informazioni nel dettaglio, si consiglia di rivolgersi direttamente ai propri Consulenti fiscali e dott. Commercialisti.

Quanto condiviso e proposto voglia essere solo un modesto contributo, nel tentativo di velocizzare e semplificare tutte le operazioni richieste ai fini dell’ottenimento del bonus Cura Italia.

La F.I.MFT intende esprimere la massima solidarietà a tutti i cittadini direttamente e indirettamente colpiti dal virus e alle loro famiglie. 

Pur comprendendo anche il disastroso impatto economico e finanziario, auspica una efficace risoluzione dell’emergenza, che possa consentire, in tempi utili, una ripresa delle normali attività lavorative.

La F.I.MFT desidera inoltre ringraziare i medici, gli infermieri, gli operatori sanitari tutti, i volontari e quanti si adoprano, in prima linea, lottando instancabilmente, con coraggio e dedizione, per contrastare il Covid-19. 

Grazie di cuore!

Cordiali saluti.  

F.I.MFT